Il gres porcellanato effetto legno, ha ottenuto in questi ultimi anni, notevoli consensi da parte degli utilizzatori finali. La forma rettangolare, a listello, e i vari formati a disposizione, hanno reso la scelta del consumatore, molto più agevole. Il pavimento in gres porcellanato effetto legno, si distingue principalmente, per due differenti caratteristiche: la mattonella da stampo e quella rettificata. La scelta, si basa principalmente sulla lunghezza della mattonella effetto legno che intendiamo montare. Infatti, la mattonella in gres porcellanato effetto legno rettificata, viene prodotta in misure più lunghe rispetto a quella da stampo. Altra punto da tenere in debita considerazione per la scelta del materiale, è la distanza fra una mattonella e l'altra in fase di posa, ossia la cosidetta "fuga". Con l'utilizzo della mattonella rettificata, la distanza fra una piastrella effetto legno e l'altra, diminuisce notevolmente fino ad arrivare ad un minimo di un millimetro. Questo è dato principalmente dalla "rettifica" alla quale le mattonelle  in fase di post produzione, sono sottoposte. La macchina squadra i quattro lati della piastrella, facendo ottenere alla piastrella effetto legno una nuova misura rispetto all'origine: con la rettifica vengono eliminati alcuni millimetri tali da rendere le mattonelle tutte perfettamente uguali l'una con l'altra. Al termine, i bordi perimetrali vengono bisellati, al fine di togliere il taglio vivo del bordo, e rendere la mattonella utilizzabile per la posa senza alcun pericolo. La mattonella con il bordo rettificato, ha il pregio di poter essere montata con una fuga minore rispetto alla piastrella da stampo o tradizionale. Questo effetto viene molto apprezzato negli ambienti moderni e ove occorre un senso di continuità molto simile alla posa del legno naturale.